Mailing List
Iscriviti per poter conoscere
tutte le novità
Il Consorzio Cascina NIBAI Cooperativa Consortile è una realta di un mondo fatto di cooperative sociali o con finalità sociali. La sua sede è in una storica cascina di campagna a Cernusco sul Naviglio vicino a Milano ed è una esperienza attiva dal 1981. Crede nei valori umani, nella fraternità e nella possibilità di affermarli attraverso l'impegno lavorativo, crede nell'agricoltura biologica e nei prodotti equo e solidali.
NEWS
 
21/08/2007 Addio Delfino dello Yangtze
 

Addio Delfino dello Yangtze
La sua scomparsa rappresenta una perdita devastante non soltanto in termini zoologici, ma anche dal punto di vista simbolico.

12-08-2007 - Fonte: Ansa,it

ADDIO DELFINO DELLO YANGTZE
(di Carolina Stupino)

Lo hanno cercato per portarlo in salvo, ma lui non c’era già più:
il delfino dello Yangtze è scomparso dalla faccia del Pianeta, spinto all’estinzione dalla sempre più frenetica corsa verso il progresso del popolo cinese.

E con questo mansueto cetaceo che fin dall’alba dei tempi vigilava sul lunghissimo fiume tanto da guadagnarsi il soprannome di ’dea dello Yangtze’, se ne va anche un pezzo del cuore della Cina, quella che con le sue leggende sapeva ancora sognare.
Nel dicembre scorso, una spedizione di biologi marini provenienti da tutto il mondo ha trascorso più di sei settimane a setacciare le acque del grande fiume che viene tradizionalmente considerato il confine tra il nord ed il sud della Cina.

La loro missione era di trovare i pochi esemplari rimasti del delfino d’acqua dolce e portarli in una riserva naturale dove il governo cinese avrebbe dato inizio ad un programma di allevamento in cattività per salvarli dall’estinzione. Ma in un rapporto pubblicato su Biology Letters, la rivista della Royal Society britannica, i ricercatori affermano di non aver trovato alcun delfino ed hanno dichiarato il baiji - come in cinese vieve chiamata questa specie talmente antica (circa 20 milioni di anni) da rappresentare una famiglia di mammifero a sé - ufficialmente estinto.

Si tratta del primo cetaceo scomparso a causa delle attività umane e la sua estinzione sottolinea il pericolo in cui si trovano molti altri suoi simili, a partire dalla balena grigia del Pacifico. A condannare a morte il baiji sono state le miriadi di navi che hanno trasformato lo Yangtze in una sorta di autostrada intasata di container, chiatte per il trasporto di carbone e barche a motore, rendendo completamente inutile il sonar che il cetaceo usa per orientarsi nelle torbide acque del fiume.

E quando non erano le reti e gli ami dei pescatori ad intrappolarlo e a ferirlo, il delfino soffriva per l’inquinamento che avvelenava il suo habitat e per la nuova diga delle Tre Gole che, dal suo completamento nel 2003, ha provocato il declino dei piccoli pesci di cui si cibava. Il delfino dello Yangtze è il primo grande vertebrato a scomparire negli ultimi 50 anni e soltanto la quarta famiglia di mammifero ad essere cancellata dalla faccia della Terra dalla conquista dell’America.

La sua scomparsa rappresenta però una perdita devastante non soltanto in termini zoologici, ma anche dal punto di vista simbolico. Per i cinesi, il baiji era infatti il simbolo dello Yangtze, un corso d’acqua talmente importante (lungo i suoi 6.380 chilometri di percorso fornisce acqua e collega alcune delle zone più popolate del pianeta) da essere chiamato semplicemente ’chang jiang’, fiume lungo. Secondo le leggende locali, il delfino era la reincarnazione di una principessa che si rifiutò di sposare un uomo che non amava e che fu annegata dal padre per aver gettato la famiglia nel disonore.

"La perdita di una specie così unica e carismatica è una tragedia scioccante. Questa estinzione rappresenta la scomparsa di un intero ramo dell’evoluzione e sottolinea come dobbiamo ancora realizzare a pieno il nostro ruolo di guardiani del pianeta", ha dichiarato Sam Turvey, il biologo della Zoological Society di Londra che ha condotto la spedizione.

Fonte:www.ansa.it

 
 

  Vuoi costituire o far parte di un GAS?
Clicca per informazioni
  Vuoi diventare
un rivenditore
dei prodotti NIBAI?
  Vuoi fare il volontario nella nostra cascina?
Contattaci subito
  Link utili
www.liberomondo.it
www.autoctono.it
  www.altromercato.it
www.cernuscoinsieme.it www.alcappone.it